"OLTRE L’APPARENZA” di Silvio Zago

14Gen(Gen 14)18:0004Feb(Feb 4)20:00"OLTRE L’APPARENZA” di Silvio Zago“OLTRE L’APPARENZA” esposizione personale di di Silvio Zago

Dettagli Evento

14 Gennaio – 4 Febbraio 2023

Associazione Artemisia – Artemisia WOW

OLTRE L’APPARENZA inaugurerà Sabato 14 Gennaio alle ore 18.00

“C’è uno schizzo ad ogni angolo.”– William Turner

L’Associazione Artemisia presenta, nell’ambito del programma WOW, la nuova mostra personale OLTRE L’APPARENZA” di Silvio Zago.

La sua arte va dal realismo ottocentesco di Coubert e Corot ai neri su bianco di Franz Kline, dai riflessi, bagliori e foschie di Turner (Tempesta di neve, Battello a vapore al largo di harbour’s Mouth 1842) e Monet all’espressionismo espressionista del Resnik post bellico (Swan 1961) e alla più contemporanea artista comica Hannah Woodman, passando per il “Crepuscolo Luna” 1899 di Isaak Levitan e i porti e le spiagge di Eugene Boudin.

Difficile definirlo, con esattezza, quanto ad appartenenze stilistiche, ma una cosa è certa. Zago è un pittore paesaggista e come tale, si inserisce perfettamente nella definizione classica della moderna pittura di paesaggio. Per lui infatti, il paesaggio è un soggetto o un motivo di ispirazione su cui sperimentare i modi e il senso di una rappresentazione soggettiva della realtà attraverso un fare pittorico fondato sulla capacità istintiva di saper cogliere gli aspetti più intimi e belli della natura e di rappresentarli poi, semplicemente, per il pubblico.

L’uso prevalente della spatola su tela, un innato gusto del colore e lo studio della luce gli consentono composizioni cromatiche tanto ardite quanto piacevoli, che trasmettono all’osservatore la serenità, ma anche l’ansia di un pittore che si espone con inconsueto candore.

Fra i suoi ”landscape” troviamo canali, barche, calli, visti con l’occhio di chi  non si accontenta della bellezza esteriore, ma che ne ricerca i tratti interiori, l’anima.

Così è, e forse ancora di più, per i numerosi paesaggi agresti, in cui casolari abbandonati, lungi dal suscitare in chi li osserva una facile nostalgia del passato, sembrano rivivere in armonia con la natura che li circonda. Così per gli agglomerati urbani, che sono un altro soggetto di Zago, in cui le case o i fabbricati, a volte persino affastellati, sembrano rivendicare una loro vitale esistenza.

Di lui, Mario Agnoli dice: “La saggistica sull’arte e sulle lettere, in genere, si ispira  alle attribuzioni scolastiche. Nel caso della pittura di Silvio Zago, tuttavia, una attribuzione fedele ai suddetti programmi interpretativi non sembra possibile o almeno non può ritenersi sostanziale. Zago è pittore/poeta della sua terra: quella delle case dalle pareti bianche che conservano la luce assillante delle trasparenze acquee e delle terre che raccolgono le minute piante come gazzelle lungo i sentieri del vento. Il suo infinito non invita al naufragio leopardiano, ma alla raccolta di un seguito di sensazioni che si nutrono di canneti, di acque intuite e d’orizzonte arcano”.

Michele Citro – Giugno 2020

***

La pittura di Silvio Zago si muove in bilico tra Impressionismo ed Espressionismo. I paesaggi sono la colonna portante che contraddistingue la sua pittura, portandolo a continue sperimentazioni formali e compositive,

concentrandosi soprattutto su un racconto soggettivo di ciò che svela agli occhi. Il paesaggio lo porta oltre un’oggettiva rappresentazione della realtà, coniugando, così, il dato empirico con una pittura di matrice emozionale. Silvio Zago infatti, si abbandona al sentimento, alle suggestioni, a ciò che avverte ogniqualvolta si trova a contatto con la natura che lo circonda.

Sono paesaggi all’interno dei quali l’uomo ritrova se stesso, inoltrandosi in una natura che lo accompagna nel suo andare quotidiano, divenendo fidata custode dei suoi segreti, dei suoi pensieri, delle sue paure, giungendo, così, ad una fusione totale con la stessa. Scorci di paesaggi che vorrei leggere come un estremo tentativo di salvaguardare la memoria di tutti quegli aspetti culturali e ambientali che avevano favorito l’insediamento delle comunità locali. Scorgo tra le tele di Silvio Zago una struggente e dolce nostalgia facendo sì che la natura diventi simbolo del tempo, che inesorabilmente passa, lasciando dietro di sé storie, volti, stagioni che ormai non torneranno più. Attraverso la sua pittura riesce, quindi, a cogliere gli aspetti più segreti e affascinanti della natura, riuscendo a condividerli e a comunicarli all’osservatore, rendendolo spettatore attivo che, in punta di piedi, sembra entrare dentro ogni sua singola tela e farsi attore protagonista, a sua volta testimone di ciò che gli occhi riescono a vedere e il cuore a provare. Racconta il paesaggio nell’andare delle ore e del susseguirsi delle stagioni, approcciandovisi in modo ancora candido e innocente. Tratta la materia pittorica sospingendosi verso la conquista dell’informale, prediligendo l’utilizzo dei colori ad olio, stesi servendosi della spatola.

Ciò lo porta a svelare un innato gusto del colore che arriva a coniugare a un attento studio della luce.

Colore e luce che giocano, si incontrano, si corteggiano, giungendo ad unirsi, dando vita ad un’armoniosa danza. I suoi scorci prediletti sono canali, barche, calli, campagne, colti non tanto come si svelano ai suoi occhi, bensì nella loro essenza più profonda, cercando di carpirne l’anima- Ciò lo si può avvertire nei paesaggi agresti, costellati da casolari abbandonati, ai quali Silvio ridona dignità, riportandoli a dialogare con la natura che li accoglie, abbraccia e protegge dallo scorrere inesorabile del tempo.

Ombretta Frezza

Silvio Zago è nato a Cavarzere, dove vive e lavora.

Impressionista ed espressionista allo stesso tempo, a volte quasi informale, predilige i lavori a olio, utilizzando soprattutto la spatola. E’ stato allievo di diversi maestri pittori, dai quali ha attinto i segreti e le particolari capacità per riportare sulla tela immagini legate ad emozioni. Nei suoi lavori, di straordinaria immediatezza, traspare l’amore per i luoghi della sua giovinezza: la campagna, i casolari, le valli, il Po e la sua laguna. Le sue mostre riscuotono ovunque vasti consensi. Molti sono i premi e i riconoscimenti ottenuti in vari concorsi. Mario Agnoli, di lui, dice: “La saggistica sull’arte e sulle lettere, in genere, si ispira alle attribuzioni scolastiche. Nel caso della pittura di Silvio Zago, tuttavia, una attribuzione fedele ai suddetti programmi interpretativi non sembra possibile o almeno non può ritenersi sostanziale. Zago è pittore/poeta della sua terra: quella delle case dalle pareti bianche che conservano la luce assillante delle trasparenze acquee e delle terre che raccolgono le minute piante come gazzelle lungo i sentieri del vento. Il suo infinito non invita al naufragio leopardiano, ma alla raccolta di un seguito di sensazioni che si nutrono di canneti, di acque intuite e d’orizzonte arcano”.

www.silviozago.com

Data inaugurazione: Sabato 14 Gennaio alle ore 18.00

Luogo: ASSOCIAZIONE ARTEMISIA Via S. Gregorio Barbarigo, 83

Date: 14.01 – 04.02. 2023

Orari: dal lunedì al venerdì: 10.00 – 12.00 / 16.30 – 18.30    

sabato e domenica: 16.00 – 18.30

e su appuntamento

Altro

Orario

Gennaio 14 (Sabato) 18:00 - Febbraio 4 (Sabato) 20:00

instagram default popup image round
Follow Me
502k 100k 3 month ago
Share
“La mia pittura…si potrebbe dire è il mio essere, talvolta è figurativa talvolta astratta; ogni giorno, ogni ora, ogni attimo …una sfumatura in più…è il mio essere. Ci sentiamo felici, allegri, tristi…immersi nel tempo, nelle stagioni, nella natura …nel nostro intimo; oggi è la spatola che domina….domani il pennello oggi la tela è liscia e morbida …domani è materica e sabbiosa. I colori riflettono la mia anima…il mio essere profondo” . Ha avuto la fortuna di incrociare il maestro Umberto Menin e con lui ha lavorato e soprattutto imparato a lavorare; come preparare le tele, come usare i colori, come creare la composizione e conoscere tanti piccoli segreti del mestiere di pittore e non ultimo come insegnare la pittura. Lureata in architettura allo IUAV di Venezia. Nel 2009 costituisce con Chiara Coltro e Daniela Pedrocco ”Artemisia” associazione culturale, della quale ora è il presidente . Insegna pittura ad allievi dai 7 agli 85 anni con grandi soddisfazioni… In loro legge gioia ,divertimento,passione, ma soprattutto l’essere riusciti a realizzare un “quadro”.

CORSI

Formazione Artistica:
Accademia di Belle Arti di Venezia.

 

Nell’insegnare, oltre all’acquisizione delle abilità tecniche necessarie, ritengo importante indicare come avvalersi della personale creatività per potersi esprimere al meglio.

CORSI

Terminato il liceo classico, diventa socia dell’Associazione culturale Artemisia nel 2010; affascinata fin da subito dall’astrattismo e dai supporti materici, si approccia al mezzo artistico grazie alla guida ed agli insegnamenti di Nicoletta Furlan. S’iscrive all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel corso triennale di pittura e si laurea con la tesi “Un messaggio chiamato Marco Cavallo – tra arte, cura e terapia”. Successivamente si è iscritta all’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano, al biennio specialistico in “Terapeutica Artistica” con il progetto di tesi “ConCRETAmente”, tenutosi al Centro Regionale per i Disturbi del Comportamento Alimentare, presso l’Azienda Ospedaliera di Padova.

CORSI

Artista, arteterapeuta, libera professionista esperta in ceramica raku e cotture primitive. Si diploma nel 2007 presso il liceo artistico Modigliani di Padova, specializzandosi nella scuola della ceramica Urbinate nelle Marche con maestri nazionali e internazionali. Nel 2010 di diploma nella scuola internazionale T.A.M come tecnico di lavorazione dei metalli con la presidenza di Arnaldo Pomodoro, a Pietrarubbia Marche. Nel 2021 si diploma come arteterapeuta presso la scuola di arteterapia, La Cittadella, Assisi e iscritta all’associazione APIArT Associazione Professionale Italiana Arte Terapeuti. Da più di 10 anni collabora proponendo i suoi corsi con vari enti: associazioni culturali e a promozione sociale, università popolari, comuni, scuole dell’infanzia, scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado e a privati. Esperta in didattica della moda e sarta per donna diplomata nel 1993 come stilista di moda presso l’istituto professionale E. Usuelli Ruzza a Padova. Dal 2004 partecipa a mostre d’arte nazionali ed internazionali con le sue sculture di ceramica raku e cotture primitive presso gallerie e sale espositive. La passione per la materia è strettamente legata alla sua trasformazione in quanto metafora che rispecchia il cambiamento della persona nel suo cammino di crescita personale.

CORSI

Nata nel 1976, vive e lavora a Padova. Diplomatasi in grafica, è pittrice e illustratrice dal 1996. Collabora con agenzie pubblicitarie, case editrici, gallerie d’arte. Si è specializzata in illustrazione nel biennio 2002-2004 con L. Wolsbruger e A.Lobato. Ha esposto in mostre nazionali e internazionali, in particolare partecipa al progetto Arthouse Tacheles di Berlino. Attualmente rappresentata da The Bank Contemporary Art e Eccellenti pittori.

CORSI

Maestra d’arte applicata e successivamente diploma con merito alla S.B.A di Londra. Collabora con musei e scuole,proponendo laboratori, incontrando ragazzi di ogni età per diffondere la pittura naturalistica e ancor prima l’educazione all’osservazione e il rispetto verso le meraviglie che ci circondano, stimolando curiosità e sapere.

CORSI

Grafico e illustratore freelance, diplomato all’IT Valle per la grafica pubblicitaria. Ha frequentato la Scuola Internazionale di Comics nella sezione ‘illustrazione, interessandosi particolarmente al concept design e all’illustrazione per l’infanzia. Tiene workshop per adulti, bambini e ragazzi.

CORSI